La foto maledetta di Cork

10



R
ory O’Donoghue
è un fotografo che nel 1997 decide di aprirsi un laboratorio personale. Durante la fase di ristrutturazione del laboratorio, nei pressi di Cork, trova una busta con all’interno un vecchio rullino fotografico, sulla cui scatola c’è scritto “luglio 1965”. Il fotografo a questo punto, per curiosità, mette in sviluppo tale rullino e già dal negativo nota qualche stranezza. Tutto il rullino è composto  da una sola immagine che sembra un collage delle varie campagne di Cork.  In ogni caso, ha intenzione di stampare tale rullino per incorniciare questa foto e regalarla alla moglie.

Tornato a casa, verso mezzanotte, posa la foto sul tavolo e si avvia in camera da letto. A prima vista subito apparve qualcosa che non quadrava, così incuriosito analizzò nuovamente bene la foto e vide una figura umana su di essa, che prima non c’era. Così il fotografo prese una macchina fotografica e cominciò a scattare le strane foto dell’evento, decidendo di controllare il negativo il giorno seguente.

Tornando a letto il sonno si faceva sempre più difficile a tal punto da costringerlo ad alzare. Ritornando in cucina ebbe un nuovo spavento: la figura sembrava essersi mossa nuovamente, questa volta aveva assunto sembianze di una donna. La figura sembrava muoversi e stabilizzarsi ogni ora, ora e mezza.

Ecco i vari movimenti eseguiti dalla donna:

La figura scavalca la finestra per entrare in casa.

La figura esce dalla porta d’ingresso con qualcosa in mano.

La figura e’ in primo piano sulla sinistra della foto.

foto maledetta

 

foto maledetta

foto maledetta

foto maledetta

Con quest’ultima trasformazione (che potete vedere a sinistra) la foto si fermò definitivamente. Il fotografo pensando di essere considerato pazzo non disse mai a nessuno dell’evento, tranne che a sua moglie e qualche familiare stretto. Solo nel 2007 il nipote, mentre era in gita nelle campagne di Cork, accanto ad un cimitero abbandonato, vide una casa che ricordava moltissimo il racconto tramandato da suo zio. Dopo essersi informato venne a conoscenza che la casa apparteneva ai Brandville, un’importante famiglia del luogo. Nessun discendente era ancora vivo, l’ultimo fu un maschio scomparso in condizioni misteriose quando era ancora in fasce.Questo evento portò al suicidio della madre e alla morte in casa del padre. Dopo quella notte la foto non ha più subito nessuna trasformazione.

Che sia stato un modo, dei genitori del bambino, per far conoscere a tutti la verità della sua scomparsa?

Ricordiamo che è una storia che è stata tramandata di generazioni nelle zone di Cork. Non si ha la certezza che ciò sia avvenuto davvero, ma in ogni caso, vera o falsa che sia la storia, ci lascia molto affascinati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *