Wendigo – Il mostro cannibale del Nord America

windigo.jpgIl mondo è pieno di creature misteriose e pieno di tantissime leggende.  Oggi ci sposteremo in Nord America. Qui, si cela un mostro denominato Wendigo, una creatura cannibale che popola questi luoghi.

Il wendigo è una creatura malvagia che ricorre al cannibalismo per poter vivere. Il wendigo non ha caratteristiche fisiche ben precise ma una cosa è certa : wendigo si diventa, non si nasce… nella maggior parte dei casi.

Molto spesso questa creatura viene associata all’inverno e al gelo. Per far capire come questa creatura possa essere nata bisogna fare un piccolo esempio. Facciamo finta di essere dei nativi americani del Canada. L’inverno è molto rigido e molto spesso i pochi centrimetri di neve diventano metri. Difficile è trovare cibo e spesso avventurarsi alla ricerca di quest’ultimo può  diventare una fatalità.  Presi dall’istinto di sopravvivenza cominceremo a nutrirci dei corpi dei nostri amici deceduti o ad uccidere, addirittura, altre persone.

 

WENDIGO

 

Il wendigo molto probabilmente è nato da questa esigenza, la sopravvivenza nel grande freddo. Il fatto che tale creatura sia diventata sovrannaturale è un passo in più per vietare tale pratica nelle tribù.  Per gli Algonchini, per esempio, il cannibalismo anche a scopo di sopravvivenza è considerato uno dei più sacri tabù; si preferisce la rassegnazione alla morte o il suicidio che nutrirsi di carne umana.

Il wendigo  è denominato anche “spirito dei luoghi disolati”. Nasce a causa della solitudine e dalla necissità di poter sopravvivere. Il wendigo caccia nella foresta, ormai drogato di carne umana, alla ricerca della prossima vittima da sbranare.

Si nutre non solo del corpo delle sue vittime, ma si nutre anche della sua anima, della sua vitalità, contribuendo ad allungare la propria vita e ad aumentare i propri poteri. Si narra che aumentando le “dosi” di carne umana, il wendigo diventi sempre più forte.

Molte tradizioni associano questo wendigo al famoso yeti o bigfoot. Stando ai racconti dei natini americani, il wendigo sarebbe alto circa 5 metri, zanne giallastre e coperto di peli, con oggi e pelle giallastri.

Secondo le leggende degli stessi nativi, si narra che il wendigo possa crearsi subito dopo aver assaggiato carne umana.  Per esempio, Jack Fiddler, un indiano Cree,  al momento del suo arresto affermò di aver ucciso 14 wendigo nel corso della sua vita. Ad 87 anni venne accusato assieme al figlio dell’omicidio di una donna Cree; la sua giustificazione fu che la donna era vicina alla trasformazione totale in wendigo, e che doveva essere fermata visto il numero di omicidi che aveva già compiuto nella sua tribù.

Da tale evento si genera la così detta “psicosi da wendigo”: un fenomeno che porta alla scelta di cane umana anche avendo altre fonti di cibo a disposizione.
Uno dei casi più famosi di psicosi da wendigo è quello di Swift Runner. Durante l’inverno del 1878, Swift Runner e la sua famiglia erano prossimi a morire di fame, lontani 40 km dal primo centro abitato. Spinto dalla necessità, Swift Runner decise allora di uccidere e macellare la moglie ed i suoi 5 figli, e da allora la sua fame di carne umana non si è più arrestata fino alla sua morte.

Il wendigo pur essendo una figura affascinante ha poco a che fare con il bigfoot (figura del tutto misteriora tutt’oggi). Ma nonostante tutto, c’è chi afferma di aver visto davvero il mostro aggirarsi nelle foreste alla ricerca disperata di una vittima. Questo dimostra che, forse, questo “mostro” esisti davvero e non sia solo frutto di pazzia umana.