Kill Switch: l’esperimento per l’immortalità

kagome-kagomeLa maggior parte delle Creepypasta è “artificiale”. Alcune sono derivate da stigma psicologici, altre sono storie di fantasmi rivisitate. Ma c’è una piccola percentuale di Creepypasta, che non è così.

Queste sono le Creepypasta “vere”.

E questo non vuol dire che sono una classe superiore rispetto alle creepypasta originali; significa solo che sono reali.

Durante la Seconda Guerra Mondiale, la Germania ha mandato un team di ricerca in Giappone, a sperimentare l’immortalità attraverso il cervello.

E hanno fatto esperimenti sui bambini.

In un orfanotrofio.

 

Esperimenti di Guerra

Il Reich nazista era famoso per i suoi scienziati e ricercatori dell’occulto. Divisioni speciali del Reich furono spesso inviati alla ricerca di artefatti o luoghi di significato occulto o religioso. Nel frattempo in Germania, bunker, palazzi e castelli vennero dotati di labirinti e dungeon per nascondere le prove di strani esperimenti. Ogni volta che gli Alleati hanno trovato questi luoghi, essi erano stati spesso precedentemente bruciati, o altrimenti distrutti e abbandonati. Ogni volta che un laboratorio veniva trovato intatto, purtroppo, i file riguardanti le ricerche erano spesso incoerenti o incompleti. Comunque, ogni traccia venne distrutta dagli Alleati per evitare ai nazisti di recuperare tutti i dati nascosti.

Molti degli esperimenti nazisti sono stati tenuti sotto attenti studi. Fino a poco tempo fa. O veterani che hanno servito come guardie a laboratori e zone rituali hanno spiegato ciò che hanno visto, oppure cartelle e libri sono stati scoperti in scatole e gabbie appartenenti agli scienziati.

Tutti questi esperimenti, però, avevano uno scopo ultimo comune.

 

 

Dare all’uomo il potere di Dio.

Ciò che i nazisti cercavano così disperatamente è stato frutto di dibattito per molto tempo. Si è arrivati poi a definire lo scopo dei loro studi con una sola parola.

Immortalità.

Incapacità di essere affetti da malattie, invincibilità o altri fattori che si ricollegano ad una sola cosa. Perdere la “capacità” di morire, in un modo o nell’altro.

La parte più grande di questa ricerca riguardava la legittima ricerca medica: dosi di composti chimici per aiutare il flusso di sangue nelle persone anziane, primi concetti che ora sono usate nella chirurgia dei trapianti di oggi, unguenti che rinnovano la pelle, anticorpi per diverse malattie o ancora fitness e diete.

Tuttavia, una serie di dati scoperti ad Amburgo nel 1999, riguardavano un diverso stile di ricerca.

Si trattava di esperimenti occulti.

 

 

“L’unica malattia è la Mente”

Le cartelle e prove di ricerca introduttive iniziano descrivendo questo principio di anatomia: il cervello controlla il corpo completamente e totalmente, e, nonostante il corpo degradi lentamente, il cervello continua a funzionare.

Ulteriori dichiarazioni dicono che il motivo per cui il corpo è invecchia è perché nel cervello umano è situato un “timer biologico”: tale è il motivo per cui le farfalle possono vivere solo un giorno, ma altri insetti possono spesso durare più a lungo.

Il cervello ci “dice” di morire.

Si propone che, quando il cervello cresce, attua continuamente collegamenti e connessioni.

All’età di 35-50, tuttavia, queste connessioni lentamente si abbattono, con conseguente dimenticanza, demenza e altre malattie mentali riservate agli anziani.

 

 

L’idea

Gli scienziati nazisti credevano che il cervello avesse un “Kill Switch” (interruttore della morte) che si attiva non appena il cervello è completamente sviluppato.

In tutti gli esseri umani normali, questo interruttore di spegnimento avvierà una sequenza di chiusura per le funzioni corporee, che si verifica nel corso di decenni. Non appena il corpo è completamente degenerato, il cervello sarà costretto a morire per mancanza di sangue ossigenato.

Pensavano che la sindrome Werners (una malattia in cui una persona invecchia rapidamente) fosse un risultato della funzione kill switch attivata troppo presto.

Il nazisti si proposero di togliere il kill switch, e dare l’immortalità alla mente umana.

E da questo, l’immortalità completa.

Inutile dire che la chirurgia del cervello era incredibilmente difficile in quei tempi, ma comunque possibile.

Nelle pile di cartelle c’erano molti schemi di ricerca passata sul cervello, la psicologia, la mente umana e simili.

 

 

Il luogo

Gli esperimenti vennero stati inizialmente proposti ai dirigenti nazisti nel 1940 e l’autorizzazione per eseguire gli esperimenti fu concessa nel 1942, ad una condizione;

“Gli esperimenti devono essere condotti fuori della Germania. Il popolo tedesco non deve vedere questi esperimenti in nessun modo o forma.”

La maggior parte degli esperimenti veniva solitamente eseguita in bunker o seminterrati. Indipendentemente da ciò, gli scienziati furono in grado di organizzarsi con l’alleato Giappone. Alla fine del 1942, la ricerca era cominciata.

Il team di ricerca decise di compiere gli esperimenti in un orfanotrofio giapponese. L’orfanotrofio era in collina, presumibilmente da qualche parte a Shimane, una zona nelle vicinanze di Hiroshima.

 

 

L’inizio degli esperimenti

Gli scienziati avevano dedotto che, se avessero cercato di prendere i soliti soggetti di prova, ovvero  anziani o ammalati, avrebbero dovuto giocare con la variabile di malattia, e, cosa ancora più importante, avrebbero sperimentato su un cervello il cui interruttore di spegnimento era già attivato, rendendo gli esperimenti vani.

Di conseguenza, gli scienziati nazisti scelsero come cavie i bambini, vale a dire gli orfani: la loro giovane età aveva eliminato ogni motivo di preoccupazione di un già attivato kill switch.

Per iniziare gli esperimenti, i bambini andarono incontro a numerose vaccinazioni e intensi test psicologici, per garantire che essi avessero eventuali difetti, e mantenere un punto di riferimento generale per i loro soggetti.

Poi, iniziarono gli esperimenti veri e propri con il personale più anziano dell’orfanotrofio.

Dopo aver messo le cavie sotto anestesia, i chirurghi aprivano i loro crani  per analizzare una buona sezione trasversale di un cervello adulto, e cominciare a trovare le differenze principali tra esso e il cervello di un bambino.

Dopo aver ottenuto un modello sia di un cervello bambino sia di un cervello adulto, gli scienziati dedussero che il kill switch  non si trovava nel cervello, ma nel cervelletto

Il cervelletto comanda ogni attività subconscia nel cervello, ed è comprensibile, dato che non è un’azione cosciente, impostare l’interruttore di uccisione.

Sistematicamente, presero il bambino più alto in orfanotrofio, e cominciarono ad aprire il suo cranio.

Stavano per iniziare la loro prima “rimozione dell’interruttore”.

Riuscirono ad aprire il cervelletto e rimuovere la parte che presumevano essere il kill switch, ma, tuttavia, alla fine dell’intervento, bambino morì.

Gli scienziati pensarono che le incisioni nel cervello erano state troppo approssimate, e richiedevano molto più precisione.

Il corpo venne gettato nel bosco dietro l’orfanotrofio.

 

 

Successo, forse.

Dopo l’importazione di diversi strumenti e diverse tecniche più sviluppate, gli scienziati furono finalmente in grado di rimuovere l’interruttore di spegnimento senza uccidere i pazienti.

Nel maggio del 1943 presero una delle ragazze più giovani dell’orfanotrofio e rimossero il kill switch: l’unica funzione che la bambina perse era la capacità di sudare.

Dopo il loro successo presunto successo, gli scienziati avevano festeggiato, prima di andare a dormire.

La mattina dopo, la ragazza non si svegliò e si rivelò essere in coma. Dopo un po ‘, venne rianimata con successo, e gli esperimenti continuarono.

 

 

Continuazione

Il successo iniziale diede ai medici un nuovo stato d’animo, uno di ristoro; erano in grado di continuare i loro esperimenti con la convinzione che la loro teoria era stata dimostrata.

Prima che i chirurghi continuassero le loro ricerche di rimozione, commissionarono diversi medici di Mosca, che si sono formati nella pratica della rinascita del corpo (tecnicamente zombificazione, ma si basava sui principi di utilizzo di scosse elettriche e cuori artificiali per alimentare il corpo di riserva).

Dichiararono come ragione di questo il fatto che i soggetti, dopo l’intervento, andavano in coma, o sembravano morti, per poi risvegliarsi come nulla fosse.

Non avevano mai dato nessun segno di questo comportamento prima dell’esperimento, e nonostante le rianimazioni avvenute con successo, i medici non volevano rischiare che un successo si trasformasse in un fallimento.

Agli scienziati russi fu dato il compito di riportarli in vita ogni volta che qualcosa andava storto. Dopo diversi giorni, i nazisti conclusero che potevano continuare gli esperimenti tranquillamente.

 

 

Ribellione

Una sola bambina su tutta dell’orfanotrofio, non approvava la presenza scienziati.
Nei suoi atti di ribellione rubò il lavoro di ufficio per poi ridurlo a brandelli, ruppe bicchieri e distrusse strumenti chirurgici.
Nonostante la sua giovane età (8 anni), aveva una sorprendente capacità di distruzione.Era etero-cromatica (occhi marroni e blu da sinistra a destra).

Gli scienziati di alto livello la disprezzavano, ma non potevano trattenerla senza destare sospetti. Ordinarono dunque ai soldati nazisti a prendersi cura di lei.

Fu brutalmente decapitata con una baionetta, e il corpo non venne sepolto, ma lasciato nel bosco dietro l’orfanotrofio.

I soldati dissero ai custodi che aveva trovato una nuova famiglia.

 

 

Numerosi fallimenti

Gli scienziati nazisti tentarono di “giocare” con il loro esperimento di successo, provando diversi aspetti di esso.

Purtroppo, nessuna variazione ha funzionato. Ecco l’elenco:

  • Entrata attraverso la fronte. Effettuato su un ragazzo di 10 anni. Il cranio è stato deformato e il ragazzo è stato praticamente lobotomizzato. Tuttavia, non entrò in stato vegetativo, anche se divenne mentalmente ritardato a causa dell’esperimento.
  • Ingresso attraverso la mascella inferiore. Eseguito su una bambina di 6 anni. La lingua e la maggior parte della carne sulla mascella inferiore è stata rimossa senza possibilità di essere sostituita.
  • Ingresso attraverso il lato della testa. Soggetto riluttante, mezzo sordo. Va inoltre rilevato che non venne somministrata alcuna anestesia durante questo intervento e le urla del bambino riempirono ogni angolo dell’orfanotrofio.

Nonostante il fallimento di queste prove, gli interruttori di uccisione vennero ancora rimossi, ed i soggetti reagirono più o meno allo stesso modo della prima ragazza.

A questo punto, avevano eseguito almeno un intervento chirurgico su tutti i bambini.

 

 

Disattivare l’interruttore

I dottori cominciarono a formulare l’idea che, se nei bambini l’interruttore poteva essere rimosso, negli adulti poteva essere disattivato con composti chimici che eliminassero la produzione dell’ormone adibito al kill switch.

Iniziarono a fare quindi esperimenti sui custodi, e con successo, dato che tutti sopravvissero.

 

 

La follia

Durante gli esperimenti, gli scienziati sorvegliarono i “figli” del loro successo, e monitorare il loro comportamento.

Ecco il resoconto.

“Appaiono normali in un primo momento, proprio come qualsiasi altro bambino. Giocano, l’apprendimento è buono, ma quando vengono separati dagli altri, sembrano …fuori di testa. Passeggiano con noncuranza in giro, con un sorriso bianco sul loro volto, i loro occhi guardando dritto verso di voi.

Se vi avvicinate da dietro, la testa scatta e gira verso di voi con velocità, e per un momento, si può quasi vedere un’espressione così terrificante sulla loro faccia, che fa venire voglia di rannicchiarsi. Ma poi assumono di nuovo un sorriso sognante.

Un’altra cosa è che ci seguono, ma solo quando siamo da soli. Dopo aver terminato il mio lavoro, mentre mi dirigo verso la mia stanza, spesso uno dei bambini, in piedi lungo il corridoio buio, mi fissa.

Quando vado nella mia stanza, mi segue.

Ma io chiudo la porta, e la inceppo con una sedia.

Ci si sente come se fossero fantasmi di notte. E la cosa buffa è che io continuo a vedere una bambina con i capelli rossicci. Continuo a chiedere della piccola, ma i custodi dicono  che non hanno mai avuto una bambina con i capelli rossicci nel loro orfanotrofio.**

Sembra anche facciano in modo ossessivo un particolare gioco.

Non ho molta conoscenza del giapponese, ma sembra che dicano Kagome, Kagome*.

Un gruppo di bambini circondano un altro bambino, che si trova nel centro, da solo.

Si prendono per mano e cominciano a muoversi in modo circolare intorno al bambino, facendo facce spaventose e cantando qualcosa di misterioso.

Al momento di parlare con loro, ho notato che sembrano più sognanti, smemorati, come se gli esperimenti avessero spazzato i loro ricordi.

Ma non sembrano innocenti. Piuttosto, inquietanti.

Loro ti guardano con gli occhi spalancati, e fanno domande personali.

Uno ha chiesto: “Quando tua nonna è morta, ti ha lasciato in eredità un orologio d’oro?”

Può sembrare pazzesco, ma la mia risposta onesta è stata … “Sì.”

 

 

[* Kagome Kagome significa cerchio, cerchio. Il gioco si traduce in giro, girotondo.

** La bambina che si ribellò contro gli scienziati aveva i capelli rossicci.]

 

 

La fine

Nei primi mesi del 1945, Hiroshima è bombardata, la Germania perde, e gli esperimenti sono a un punto morto.

I tedeschi cominciarono a imballare le loro attrezzature, la maggior parte di loro sono già tornati a casa a causa malessere mentale, affermando che hanno mostrato segni di follia. Solo quattro scienziati sono rimasti.

Dopo aver inviato l’ultima serie di apparecchiature, gli scienziati informarono solo i custodi della loro partenza.

E con l’orrore di uno degli scienziati, e la sorpresa di tutto il resto, il custode disse, in fluente tedesco: “Vuoi giocare una ultima partita con noi?”

I tre scienziati hanno concordato, e un cerchio di bambini e custodi si formò intorno a loro.

“Ora, se si sussulta, si perde …”

Lo scienziato corse all’ultimo camion e saltò su di esso senza voltarsi indietro.

 

 

La storia oggi

Andando nei pressi di Hiroshima, si può fare un giro nei boschi, trovando dei sentieri sterrati.

Se si presta attenzione, si noterà che i ceppi degli alberi sembrano in persone in ginocchio, decapitate.

Se si continua, l’aria si raffredda, ma solo perché state salendo su una collina, no?

Naturalmente, alla fine si arriva a una radura, con un vecchio edificio in pietra nel centro.

Entrate, se volete giocare.

Non appena si apre la porta, un cattivo odore uscirà, simile a quello di un cadavere in decomposizione. Se si guarda in fondo al corridoio, sarà tutto scuro, indipendentemente dal momento della giornata, dal momento che non ci sono luci.

Proseguite lungo il corridoio, prendete la prima a sinistra, e poi scendete fino a vedere una porta che sembra essere fatta di un legno di colore rosso (le altre sono marroni).

Aprite la porta, e troverete bambini e custodi. Tutti indossano kimono,mentre giocano.

Ad uno manca un braccio, a un altro manca la fronte, e a un terzo manca una mascella, ma tutti sono bendati con precisione clinica.

Il luogo dovrebbe essere molto pulito e ordinato, e ben illuminato.

Immediatamente, la vostra presenza attirerà l’attenzione di tutti, compresi quelli che sembrano troppo preoccupati o distratti. Essi si rivolgono a guardarvi, sorrisi spensierati da ciascuno dei loro volti piacevoli.

Il custode, in tutta la sua bellezza domanda “Vuoi venire a giocare con noi?”

Se dite “no”, la portasi chiude, e se si tenta di andare giù per i corridoi verso l’uscita, troverete soltanto un altro corridoio buio. Aprite una qualsiasi delle porte marroni e si dovrebbero trovare tavoli operatori o letti a castello. Se si continua lungo il terzo corridoio vi renderete conto che una ragazza è in piedi diversi metri dietro di voi. La sua faccia è avvolta dall’ombra. Avvicinatevi, e il destino non vi grazierà. Proseguite lungo il corridoio, e forse potrete scappare.

Se dite “sì”, invece, sarete accolti nella stanza. La porta si chiude dietro di voi, e tutti potranno formare un cerchio intorno a voi.

“Adesso siediti e non sbirciare!” una voce allegra dirà.

Basta seguire le istruzioni, per sopravvivere.

Tutta la luce scompare dalla stanza, ma si può vedere il cerchio di bambini, ciascuno con un’espressione viziosa sul volto, che cominciano a muoversi e intorno a voi, lentamente.

Se ciò non bastasse, si cominciano a intonare “Kagome Kagome …”

Purtroppo, non so cosa succeda dopo. Nessuno è mai sopravvissuto per raccontarlo.

Per ultimo, se si risponde “Non capisco”, in modo autentico e sincero, il custode dirà “Vai a scuola, e guarda i bambini giocare. Capirai, allora.”

 

 

Solo in questo modo, potrete uscire. Nulla sarà cambiato.

Ma chiudete la porta, per cortesia.