L’Uomo con l’Ascia di New Orleans

tumblr_nqj7afst121s1vn29o1_1280Édouard Martel era un fotografo e un inventore francese di poco successo, che viaggiò per tutti gli Stati Uniti durante le prime due decadi dello XX secolo, provando a stuzzicare l’interesse degli investitori riguardo un dispositivo: una macchina fotografica a cui aveva aggiunto le caratteristiche dell’esposizione automatica e del temporizzatore alla linea.

Durante i suoi viaggi fece migliaia di foto automatizzate per verificare e raffinare la sua invenzione.

Si svegliava spesso presto, per installare una macchina fotografica nascosta in un punto non appariscente sulle strade di una qualunque città, in modo da catturare le scene schiette di vita quotidiana, per ricordare i suoi viaggi.

Il meglio di queste foto venne selezionato per una galleria-mostra, a Parigi, 1924. Purtroppo, nonostante questo, Martel morì nel 1955 squattrinato e sconosciuto.

A sua figlia Jeanne rimasero solo scatole e scatole di foto, dalle quali avrebbe selezionato ciò che poteva essere tenuto e ciò che doveca essere scartato.

Durante questo processo trovò una particolare foto, raffigurante New Orleans nella mattinata del del 28 ottobre 1919, alcune ore prima che  Martel si imbarcasse su una nave del vapore e tornare in Francia.

Che cosa rende questa foto così speciale? La notte prima che fosse preso, il rinomato ed ancora non identificato serial killer, conosciuto soltanto come “l’ Axeman di New Orleans„ aveva compiuto il suo ultimo omicidio: uccise Mike Pepitone nella sua camera da letto e poi fuggì appena la moglie di Pepitone stava scoprendo il corpo.

Potrebbe essere lui, nella foto, che ritorna alla sua residenza?

È impossible da dire, ma se fosse, l’immagine sembra alterare la leggenda (basata sulla testimonianza vacillante di Pauline e di Mary Bruno e sul pregiudizio prevalente del tempo) che soltanto un uomo di colore era capace di tale ferocia.