10 casi di vita dopo la decapitazione

unknown-headless-640x389

Perdere la testa equivale sicuramente alla morte, o almeno, questo è quello che ci hanno sempre detto. È impossibile vivere senza la testa al proprio posto ed è per questo che per secoli la decapitazione era (e lo è tuttora in alcuni posti) una delle esecuzioni capitali più utilizzate. Se eseguita in modo appropriato, era persino considerata una maniera piuttosto calma, veloce e senza dolore per sbarazzarsi di un condannato. Un colpo deciso di lama e la vittima viene spedita facilmente nell’aldilà. In alcuni casi, tuttavia, i decapitati non morivano istantaneamente. Al contrario, per alcuni secondi avevano la possibilità di sentire cosa si prova ad essere in una testa senza corpo, o in un corpo senza testa.

Continua a leggere

10 Celebrità che hanno avuto esperienze paranormali

Dopo aver visto un film dell’orrore, spesso molte persone si rassicurano pensando “dopotutto è solo un film, è tutto finto”. Non ci sono dei veri fantasmi che si nascondono negli armadi o dei vampiri che ti inseguono per i vicoli bui. Nessuno lo sa meglio degli attori in persona. A volte recitano il ruolo del cattivo ragazzo, del fantasma o del demone, poi si tolgono il make up, i vestiti di scena e tornano ad essere sé stessi. Tuttavia, alcuni attori e celebrità hanno avuto a che fare con delle entità spettrali che non erano oggetti di scena e che non facevano parte del film.

Continua a leggere

4 leggende metropolitane di Halloween. Le conoscete?

325140b0-4e92-0133-3f97-0e34a4cc753dHalloween, per essere una festività in cui viene capitalizzato tutto ciò che è spaventoso, ha stranamente poche leggende metropolitane. Ma anche se non ce ne sono così tante, le poche che esistono tendono a rimanere nella mente delle persone. Se ci pensate in questa era digitale si può semplicemente cercare un articolo su Google per confermare o smentire una qualsiasi leggenda metropolitana. Halloween in particolare, però, ha un tale fascino che fa sì che le storie continuino ad essere tramandate, di generazione in generazione. 

Continua a leggere

8 fotografie di fantasmi che vi faranno venire i brividi

1. Freddy Jackson

freddy jackson

Questa fotografia è stata scattata nel 1919 e venne pubblicata nel 1975 da un ufficiale della R.A.F in pensione. È una foto di gruppo che raffigura lo squadrone dell’ufficiale risalente alla prima guerra mondiale. Nella foto compare un volto in più nella fila in alto, dietro il quarto uomo, a partire da sinistra.

Si dice sia il volto di Freddy Jackson, un macchinista che è stato accidentalmente ucciso dall’elica di un aeroplano due giorni prima di quando fu scattata la foto. La foto venne scattata il giorno del suo funerale.

I membri dello squadrone riconobbero facilmente il volto di Freddy e credettero che il macchinista avesse deciso di comparire nella foto di gruppo, anche se era morto.

2. Il fantasma del negozio Toys R Us

toys r us ghost

La fotografia in alto è un’immagine a infrarossi scattata all’interno del negozio Toys R Us a Sunnyvale, in California. L’uomo appoggiato agli scaffali non era là quando la foto venne scattata. E non appare nemmeno nel negativo dell’immagine.

Per molti anni, sono girate delle voci sul fatto che il Toys R Us di Sunnyvale fosse infestato. Il fantasma è stato soprannominato in maniera affettuosa Johnny Johnson.

Si crede che Johnny fosse un bracciante agricolo che lavorava in un frutteto, dove attualmente è situato il negozio Toys R Us, e che morì dissanguato dopo essersi ferito accidentalmente con un’ascia.

3. Il fantasma della Queen’s House

queen's house

Non c’erano mai stati racconti sul fatto che la Queen’s House a Greenwich, in Inghilterra, fosse infestata, finché due turisti canadesi scattarono una foto su una scalinata vuota. Quando la fotografia venne sviluppata apparve qualcosa di insolito: una o forse due figure spettrali con un mantello.

La pellicola e il negativo vennero esaminati da esperti, che scoprirono non esserci segni di manomissione o interferenza tecnica. Non è stata data alla foto nessuna spiegazione naturale. 

Dopo che la foto venne diffusa, gli impiegati della Queen’s House raccontarono di aver visto delle strane figure vicino alla scalinata e di aver udito dei passi. Nel 2002 lo spirito di una donna è stato visto fluttuare nel primo piano della casa per poi sparire attraverso un muro.

4. Il liceo di El Paso

el paso high school

Il liceo di El Paso, in Texas, è uno degli edifici più vecchi della città e, forse, il più infestato da quando sono successe delle cose orribili. La maggior parte dei racconti degli studenti riguardano il quarto piano dove si suppone sia invaso da una sottile nebbia ectoplasmatica che sgocciola dal soffitto.

Le storie di fantasmi risalgono a 35 anni fa, quando una studentessa depressa si taglio le vene prima di buttarsi dal balcone del quarto piano. Da quel giorno è stata vista salutare le persone dal balcone o ricreare il suo salto fatale. È stata anche vista vagare per i corridoi piangendo.

Nel 1985 venne scattata una foto di classe dove è apparsa l’immagine di una ragazza offuscata, dopo che la fotografia era stata sviluppata. Può essere proprio lei la ragazza che si è suicidata dal quarto piano?

Quando i ricercatori stavano indagando nella scuola diversi anni fa, trovarono una vecchia aula che era stata sigillata e lasciata completamente intatta. Al suo interno c’erano delle cose appartenenti agli studenti del passato e ,tra gli articoli, venne ritrovata una lettera d’amore e un biglietto suicida da far accapponare la pelle.

5. La foto del bambino che piange

crying baby foto

In quel momento nessuno sapeva perché il bambino in questa foto stesse piangendo.

6. Il cimitero di Boot Hill

boot hill cemetery

Questa fotografia è stata scattata nel Cimitero di Boot Hill, in Arizona. L’uomo nella fotografia era un turista che voleva farsi una foto, in bianco e nero con dei vestiti da far west, vicino alla tomba di un vecchio cowboy.

Non c’era nessuno nello sfondo quando l’immagine era stata scattata, ma quando l’uomo sviluppò la foto in un negozio, nello sfondo appare un uomo con un coltello in mano.

L’uomo che scattò la foto tornò al cimitero con i suoi amici tentando di ricreare l’immagine. Scoprirono che se un uomo fosse seduto o si trovava dove la figura appare in foto, si sarebbero dovute vedere le sue gambe, a meno che non sbucasse direttamente fuori dalla tomba.

7. Il fantasma del nonno

tumblr_nmip5vM6Ic1s6lwy2o1_500

Nel 1997, una donna scattò una foto a sua nonna con suo nonno che le osservava. Il nonno della donna morì tristemente nel 1984 ed è apparso nella foto, dopo che era stata sviluppata.

8. Il fantasma del bambino nella fattoria

farm boy farm boy2

Quando il fotografo Neil Sandbach, stava sviluppando delle fotografie scattate in una fattoria nell’Hertfordshire, in Inghilterra, vide sorprendentemente delle cose che non c’erano in precedenza nelle foto.

Sembrava ci fosse la figura di un bambino in una delle foto che aveva scattato. Chiamò i proprietari della fattoria e fece loro delle domando sulla loro attività e le loro esperienze, ed essi confermarono che il ragazzino, che indossava quella vestaglia antiquata aveva infestato la fattoria e che era stato visto diverse volte.

Fonte: http://they-hide-in-the-dark.tumblr.com/post/130296177735/the-creepy-things-for-halloween-masterpost-2015

 

10 torte a tema horror deliziosamente malvagie

Tra forni roventi e reazioni chimiche facili da sbagliare, molte persone pensano che la pasticceria sia semplicemente un incubo. Per i pasticceri esperti, invece, sono propri gli incubi che li ispirano e li aiutano nella realizzazione di torte a tema horror, in particolare durante il periodo di Halloween. Qui, in basso, vengono elencate alcune delle torte più inquietanti che siano mai state create.

Continua a leggere

I 9 Rituali più strani e sanguinosi nel mondo

Secondo una storia che risale a molto tempo fa, c’era un villaggio separato da un pozzo dove da entrambe le parti vivevano due tipi di popoli. Ogni clan aveva una concezione diversa dell’idea di sanità mentale. Il popolo che beveva l’acqua dal pozzo pensava che la popolazione dall’altra parte era pazza. Al contrario, il popolo che non usava l’acqua del pozzo pensava che i pazzi fossero gli altri. Secondo voi chi erano i pazzi? Chi era il folle e chi il sano di mente? La questione su chi fosse sano o no dipende dal quadro di riferimento. Una cosa che sembra strana per voi forse potrebbe essere di valore e significante per altri.

Continua a leggere

1 2 3 4 7