Il mistero della colonia perduta dell’Isola di Roanoke

Roanoke-Island-croatoan

Gli antichi coloni inglesi dell’Isola di Roanoke, nel nuovo mondo, costruirono case e vissero insieme alle popolazioni indigene. Un giorno, però, scomparvero nel nulla lasciando solo un messaggio in codice per gli altri coloni. Qual’è stato il destino dei coloni inglesi scomparsi nell’Isola di Roanoke? E se ci sono stati dei sopravvissuti, dove saranno andati?

Nel 1584, gli inglesi tentarono di fondare una colonia nel nuovo mondo nell’Isola di Roanoke, nella Carolina del Nord. L’anno successivo, la colonia venne abbandonata a causa del clima rigido, della mancanza di provviste e delle cattive relazioni con gli indigeni. Tre anni dopo, venne intrapreso un secondo tentativo di colonizzazione. Mentre continuarono le lotte per la sopravvivenza e per la prosperità, uno dei coloni, il Capitano John White, dovette tornare in Inghilterra per ottenere delle provviste.

Nel 1587 la figlia di White diede alla luce Virginia Dare, che si dice fosse il primo neonato inglese a nascere nel nuovo mondo. Lasciandosi alle spalle i suoi amici e la sua famiglia, contro la sua volontà, White partì per l’Inghilterra con l’intento di rimanerci solamente tre anni; poiché la Regina impedì tutte le spedizioni marittime a causa degli attacchi dell’Armata Spagnola contro l’Inghilterra.

Quando alla fine riuscì a tornare nell’Isola di Roanoke, nel 1590, White vide che la colonia inglese era sparita. Si narra che l’unica cosa che trovò furono le parole ‘CRO’ e ‘CROATOAN’ incise nella corteccia di due alberi.

CRO-written-on-a-tree

Quando White vide queste parole, trasse la conclusione che i coloni avessero cercato aiuto presso gli Indiani Croatan, nelle vicinanze dell’isola di Hatteras. Era già stato deciso in precedenza dai coloni che, in caso di calamità naturali o di un attacco, si sarebbero dovuti spostare là. Avrebbero dovuto, inoltre, lasciare un’immagine con una croce maltese, ma White non trovò nessun simbolo del genere.

Gli indiani Croatan erano stati amichevoli nei confronti dei coloni, così come gli Inglesi furono in grado di stabilire buone relazioni con essi quando fondarono la colonia. Pertanto, era ragionevole supporre che i coloni fossero andati all’Isola di Hatteras durante l’assenza di White. Perseguitato da un terribile maltempo e da un equipaggio pericolosamente riluttante, White fu incapace di indagare ulteriormente sulla questione. Tornò perciò in Inghilterra, lasciandosi dietro la misteriosa scomparsa della colonia, di sua figlia e di sua nipote, e non tornò mai più nel nuovo mondo. Di conseguenza, nessuno è certo di quale fu il destino dei coloni inglesi dell’Isola di Roanoke.

Una delle teorie riguardanti la scomparsa dei coloni inglesi è la loro possibile integrazione con il popolo Croatan. Per esempio, alcuni storici inglesi fanno riferimento a una tribù indiana del Nord Carolina che parlava un inglese fluente, praticava la Cristianità e i cui membri si facevano chiamare Indiani Croatan. In aggiunta, sono stati rilevati tra i 20 e i 30 cognomi inglesi tra i membri della tribù, cosa che può indicare una vera e propria integrazione tra le due popolazioni.

Dancing-Secotan-Indians

I Croatan stessi si crede avessero cominciato ad estinguersi agli inizi del diciassettesimo secolo. I loro diretti discendenti, i Lumbee (che esistono tutt’oggi), cominciarono ad apparire circa 50 anni dopo la scomparsa dei coloni di Roanoke. Una delle caratteristiche prominenti del popolo Lumbee, come indicato dagli osservatori, sono i loro tratti europei.

Nonostante molti siano convinti che i coloni si unirono ai Croatan e che forse siano diventati i Lumbee, alcuni credono che essi siano stati vittime di un destino più oscuro. Prove archeologiche hanno dimostrato che i coloni perirono lentamente e che nessuna tomba è stata finora trovata.  Altre teorie indicano il cannibalismo praticato da alcune tribù locali che potrebbe spiegare la mancanza di resti umani, o che i coloni morirono in mare mentre cercavano di tornare in Inghilterra.

La storia non ci rivelerà mai quello che è successo veramente ai coloni che scomparvero nell’Isola di Roanoke, e per il momento rimarrà un mistero.

 

 

Fonte

9 Teorie del Complotto che si sono rivelate vere

maxresdefault-13-711x400Un vasto numero di teorie sono state costruite a tavolino con l’intenzione di risultare così assurde tanto che l’opinione pubblica non potesse crederci, o che se fossero state vere sarebbero state talmente scandalose e riprovevoli da essere comprese. A volte questo tipo di teorie si estendono a macchia d’olio nonostante suonino così fanatiche. Un recente studio, ad opera di scienziati politici come Thomas Wood ed Eric Oliver, ha mostrato come metà della popolazione americana consideri vera almeno una teoria cospirativa.

Sebbene possano dare l’impressione di essere frutto di fantasia, alcune di queste teorie cospirative si sono rivelate essere vere, al limite del possibile. Qui di seguito vengono elencate 9 di queste teorie cospirative che, come si è scoperto, non sono solo frutto di immaginazione di qualcuno.

Continua a leggere

8 Casi di omicidio irrisolti che ti faranno venire i brividi

OrangeSocks-400x400Gli omicidi, purtroppo, sono all’ordine del giorno. Tuttavia, ce ne sono alcuni più terrificanti di altri. Sebbene un delitto sia di per sé un atto inquietante per ciò che succede alle vittime, possono entrare in gioco altri fattori.

Alcuni di questi tragici omicidi tendono a rimanere irrisolti, e non sapere l’identità del killer aumenta ancora di più la paura tra le persone. Inoltre, alcuni elementi nella ricostruzione del delitto aggiungono un alone di mistero, instillando la curiosità in alcuni . Detto questo diamo un’occhiata ad alcuni dei più importanti casi di omicidio che sono rimasti irrisolti.

Continua a leggere

CAYETANO SANTOS: Il criminale argentino più brutale

0001453267

0pCayetano Santos nacque a Buenos Aires il 31 ottobre 1896 da immigrati calabresi. A pochi anni di vita si traferì in Argentina dove si fece chiamare ” il Piccolo Orecchiuto”.

Cayetano passò la sua infanzia in strada e non terminò mai gli studi per il suo scarso interesse nella scuola e per il suo carattere molto ribelle. Ben presto abbandonò, come già detto, la scuola, trascorrendo intere giornate nel masturbarsi.

Continua a leggere

L’incidente di Roswell: cosa accadde davvero?

0Roswell, 1947.

Il 4 luglio, il contadino Mac Bazel rinviene alcuni rottami fra le coltivazioni del suo ranch. Allerta così la polizia, che immediatamente avvisa i militari della vicina Roswell Army Air Force. Le lamiere vengono prelevate e a Bazel viene fatto giurare di non parlarne con nessuno, mentre la stampa inizia a concentrarsi sul caso. Una rapida sequenza di dichiarazioni ufficiali, tuttavia, smontano l’intera faccenda.

Continua a leggere

1 2 3 4 5 8